Se sei un artista indignato del comportamento di MTV nei confronti dei suoi lavoratori, sottoscrivi la
LETTERA APERTA AGLI ARTISTI DA PARTE DEI LAVORATORI DI MTV
Hanno aderito già:
  • AMBRA ANGIOLINI – Attrice e VJ
  • FABIO VOLO – DJ, Scrittore, Attore
  • ELIO E LE STORIE TESE – Band Musicale
  • MANGONI - Cantante
  • PAOLA CORTELLESI - Attrice
e altri. Vedi la lista completa!

venerdì 3 luglio 2009

Causa legale contro l'azienda: come e perché

Per chi resta in mezzo alla strada alla scadenza di un contratto, oltre al doveroso rimbocco delle maniche atto a trovare un altro posto, esiste un'arma, spesso sottovalutata o giudicata frettolosamente, che andrebbe imbracciata.
La vertenza legale.
E' una causa per chi ha avuto uno o più contratti a collaborazione atta a dimostrare l'irregolarità del proprio contratto e l'abuso dello stesso.
In pratica la causa vuole dimostrare che nonostante si abbia avuto un contratto di collaborazione a progetto (co.co.pro) si veniva sfruttati come dei subordinati (i dipendenti a tempo (in)determinato).

Quando un contratto a progetto è irregolare?


da http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_5551.asp

I Giudici del Lavoro intendono la subordinazione come "assoggettamento gerarchico del lavoratore al potere di direzione e controllo del datore di lavoro". La giurisprudenza ha individuato alcuni indici che possono concorrere a dimostrare l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato:

- la sottoposizione del lavoratore al potere disciplinare;
- l’obbligo di eseguire la prestazione nell’orario stabilito dal datore di lavoro;
- la predeterminazione e la continuità ideale della prestazione;
- la periodicità, le caratteristiche e la misura del compenso del lavoratore;
- l’assenza, per il lavoratore, del rischio concernente il risultato finale dell’attività;
- la mancanza di una organizzazione propria del lavoratore che impiega quella del datore;
- l’inserimento strutturale del lavoratore nell’organizzazione produttiva del datore di lavoro.



E' molto semplice dimostrare che almeno uno di questi punti è stato la regola nel rapporto lavorativo tra il collaboratore e l'azienda.
Bastano alcuni tra questi specifici elementi per invalidare il contratto:

1. semplicemente impugnando il contratto, stabilire l'effettivo riscontro tra la job description (per i dipendenti MTV, cercate nel contratto l'allegato A: descrizione del progetto) e le mansioni svolte effettivamente
1a. sempre per quanto riguarda il contratto le descrizioni troppo poco specifiche sono irregolari
1b. di nuovo, più contratti con la stessa descrizione del progetto sono sospetti
2. avere un indirizzo mail aziendale, una postazione fissa od un numero di telefono interno
3. una e-mail del datore di lavoro che chiede di seguire determinati orari, o di segnalare le ferie
4. un organigramma in cui sia presente il proprio nome
5. dei colleghi che testimonino la regolarità lavorativa

Questi sono solo alcuni dei punti presi in considerazione dai consulenti legali e gli avvocati che vi assisteranno in sede legale. Ce ne sono molti altri che costoro avranno cura di trovare.

Come vedete il come è semplicissimo, rivolgetevi ai vostri avvocati o ai consulenti legali dei sindacati per avere il massimo supporto.

L'obiettivo della causa è quella del reintegro in azienda del collaboratore, ma spesso non si arriva nemmeno davanti ai giudici, l'azienda paga un risarcimento durante il patteggiamento.

E' tutto gratuito



Come, una causa gratuita? Sì, o quasi, per i seguenti motivi:

1. Durante la prima fase il legale studia la posizione del collaboratore per capire se ci sono i margini per una causa:

a. Gli avvocati solitamente offrono una consulenza gratuita ai lavoratori per questo genere di cause
b. I consulenti dei sindacati offrono a loro volta la prima consulenza gratuita, e senza obbligo d'iscrizione al sindacato


2. Se i legali constatano che si può fare la causa, e ciò lo fanno quando la certezza di vincere è quasi assoluta, si passa procedimento legale vero e proprio. Questo effettivamente ha un costo ma:

a. se la causa viene vinta sarà l'azienda a sostenere i costi al dipendente, oltre a pagargli la penale; se viene persa il dipendente sarà tenuto a pagare solo il proprio avvocato, e non le spese legali sostenute dall'azienda, dacché si presume legalmente che il dipendente parta da una situazione di svantaggio rispetto all'azienda
b. Nel caso dei consulenti messi a disposizione dai sindacati anche se si perde la causa non si pagherà alcun costo, però per arrivare al procedimento penale bisognerà essere iscritti ai sindacati (circa 100€ l'anno). Il sindacato dunque copre completamente le spese della vertenza, sia che l'esito sia positivo che negativo.



Quanti soldi ci sono in ballo? Riesco a trovare lavoro dopo una causa?



L'ammontare del risarcimento che l'azienda dovrà pagarvi dipende dalle personali storie. Comunque in genere si parla di svariate migliaia di euro, anche decine di migliaia!)
Risponde meglio alle domande una breve conversazione con T., ex collaboratore di MTV che ha presentato vertenza poco tempo fa:

Ecco come ci siamo presentati:

Ciao T.,
ho saputo che tu hai fatto causa per dimostrare che il tuo era un lavoro subordinato invece che a progetto.

Io sono nella stessa situazione ed intenderei procedere a mia volta in questo modo. Cosa mi sai dire? Come hai fatto? Alla fine cosa ne hai ottenuto?

Da noi in tanti vorrebbero fare vertenza, però la paura maggiore che emerge nelle discussioni è che poi si abbia difficoltà a trovare lavoro, è vero o è una leggenda metropolitana? Cosa è cambiato nella tua vita professionale?


Ed ecco l'ottima chiacchierata che ne è conseguita:

T.: ciao ho letto la tua mail

15:23Mascarpone09: ciao T. mi sai dire qualcosa? Io fra meno di un mese sarò lasciato a casa e volevo capire come muovermi.

15:23T.: per quando riguarda la paura, ti dico solo che loro giocano su questo. Io ero un progetto e mi hanno proposto il rinnovo ma io ho rifiutato

15:24Mascarpone09: ma da quanto eri a progetto?

15:24T.: un anno e 3 mesi ma prima avevo fatto 6 mesi interinali. In mtv nn assumeranno mai più nessuno. Mtv oramai è morta. E' un'azienda che nn ha futuro come tutte le altre televisioni

15:26Mascarpone09: sì è quello che credo anch'io, da noi stanno facendo piazza pulita. Ma tu ti sei mosso con un legale sindacale?

15:27T.: Io ho fatto così mi sono rivolto ad un semplice avvocato ma va bene anche un sindacato gli ho portato il mio contratto da quale si vedeva come l'oggetto del contratto nn volesse dire niente e poi ho salvato tutte le mail del pc nel quale si vedeva che i responsabili mi davano delle direttive e questo nn è ammesso nel contratto a progetto. Il collaboratore a progetto deve essere libero da consegne

15:29Mascarpone09: certo

15:29T.: A questo momento era palese che si trattava di un lavoro subordinato e che quindi era tempo indeterminato e quindi il mio avvocato ha chiesto l'immediato reintegro sul posto di lavoro

15:31Mascarpone09: sai io mi vorrei muovere attraverso un legale sindacale perchè non posso sostenere spese legali immagino che poi loro abbiano contrattato una somma

15:32T.: aspetta l'avvocato di mtv ha scritto al mio abbiamo deciso di fare una transazione mi hanno pagato sei mensilità e poi loro hanno pagato il mio avvocato

15:32Mascarpone09: ah capito

15:32T.: infatti quando ci siamo visti per la transazione, il capo di HR ha portato due assegni: uno per me e uno per il mio avvocato. Altrimenti puoi rivolgerti ad un sindacato, semmai paghi 80 euro di iscrizione

15:33Mascarpone09: grazie mille adesso hai trovato lavoro?

15:34T.: ma certo, dopo due settimane già lavoravo

15:34T.: ovviamente poi nn puoi più lavorare in mtv e/o in telecom ma guarda che sia telecom che mtv sono una piccola parte del mondo che c'è fuori e per lo più è una piccola parte malata

15:35Mascarpone09: bene allora seguirò le tue orme e spero che vada come è andata a te

15:36T.: guarda che la stessa mtv ha paura di gente che fa così il mio giochetto a loro è costato 20.000 euro

15:36Mascarpone09: sì è vero solo che qui hanno quasi tutti paura di esporsi pure quando vengono lasciati a casa

15:36T.: pensa se lo stesso lo fanno 10 persone 10 X 20.000 = 200.000

15:36Mascarpone09: certo

15:37T.: poi vediamo se gli conviene approfittarsi della gente

15:37Mascarpone09: infatti puntiamo su quello, stiamo cercando di organizzarci e magari fare causa in gruppo

15:37T.: quanti siete?

15:38Mascarpone09: pensa che io sono da 2 anni e mezzo a progetto ma c'è un mio collega che lo è da 4 anni!! per ora che vogliamo muoverci decisi siamo 4 - 5 ma quelli che rischiano di essere lasciati a casa sono almeno una dozzina (eh... fossero solo una dozzina, ora si parla di 40 persone n.d.r)

15:39T.: allora avanti

15:40Mascarpone09: grazie mille T., se avrò bisogno di qualche altra informazione posso disturbarti ancora?

15:40T.: si si.. volentieri Io nn ho ancora finito con mtv Sto tirando fuori da quella pseudo azienda ancora delle persone che lavoravano con me

15:42Mascarpone09: ah ok

15:42T.: tra l'altro mtv nn si può permettere di avere delle cause in sospeso

15:42Mascarpone09: be allora siamo proprio tanti

15:42T.: perchè altrimenti i revisori contabili devono scriverlo nella revisione annuale

Insomma, con nemmeno 2 anni di collaborazione T. ha ottenuto 20000€! E non ha avuto certo problema a trovare un altro lavoro, non possono nemmeno tentare di fare terra bruciata intorno a lui.
E, comunque, non si lavorerà più con MTV, ma, visto come sta rapidamente declinando l'azienda, ha senso preoccuparsene? Per non parlare dell'immoralità nella gestione di noi tutti da parte della stessa che certo non può invogliare a tornarci tanto serenamente.

Chiaro che, quello che stanno proponendo, 3 o 4 mensilità in cambio del silenzio, è come al solito una via di mezzo inaccettabile.

Chiunque all'interno dell'azienda intendesse avere qualche chiarimento riguardo alla possibilità di fare vertenza può scrivere ai rappresentanti sindacali o a mtvisnotsocool@gmail.com

30 commenti:

  1. sn contento di vedere che avete trovato una soluzione pratica,
    cerca di convincere gli altri ad unirsi a voi...più sarete e più forti sarete!

    RispondiElimina
  2. Molto, molto interessante! Grazie mille delle info! Corro da un avvocato :)

    RispondiElimina
  3. Ciao!Grazie infinite per la giustizia che state facendo!Spero mi possiate dare risposta e fare chiarezza per sapere se anche chi ha cessato di lavorare in Mtv tempo fa, esattamente nel 2007, può ancora fare causa avendo lavorato a progetto per 2 anni e mzzo, avendo tutte le bustepaga,il backup del mio pc, dei miei ex colleghi che ovviamente sarebbero disponibili a testimoniare, ma solo le copie dei contratti del primo anno, dato che gli altri mi è sempre stato detto che mi sarebbero arrivati ma che io ovviamente ad oggi non ho ancora visto.

    Aspetto vostre preziose news!
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  4. ti conviene contattare i sindacalisti (magari tramite qualche tuo ex-collega che lavora ancora ad mtv), loro possono farti avere un incontro assolutamente gratuito e senza nessun impegno con un legale che sicuramente saprà dirti qualcosa di certo!

    RispondiElimina
  5. Ciao, se ci scrivi a mtvisnotsocool@gmail.com ti possiamo mettere in contatto con i consulenti dei sindacati.

    RispondiElimina
  6. Io domani non faro' sciopero.
    Dovevate pensarci quando era tempo di pensarci.

    RispondiElimina
  7. right here right now15 luglio 2009 16:01

    domani non c'è sciopero, mi risulta. ragazzi ho capito male io?
    Anonimo, non ho capito il tuo punto sul non fare sciopero, è un tuo diritto decidere figurati, ma proprio non capisco cosa vuol dire che dovevamo pensarci prima. sicuramente dovevamo tutti svegliarci molto prima, ma non fare sciopero per questo mi sembra... strano. cosa intendi?

    RispondiElimina
  8. No, quando ci sarà lo saprete con certezza. Anonimo che ha commentato mi pare un po' troppo poco informato dei fatti e troppo poco addentro al problema, a ragione della superficialità dell'intervento.

    RispondiElimina
  9. non mi sembra questa la sede per parlare delle iniziative di protesta, anonimo se vuoi solo creare confusione e meglio ke taci. forse e meglio che taci in ogni caso...

    tanto piu che ho gia un idea di chi sei......

    ....vero miky???

    silenzio

    RispondiElimina
  10. si beh è facile agitarsi quando si viene tirati in causa...dove eravate tempo fa quando molta gente cominciava già ad essere lasciata a a casa?Chi ci ha pensato a loro?eh si...adesso facciamo i supereroi...prima l'indifferenza...giustissimo cosi!

    RispondiElimina
  11. Senti un po' Martino, Michele, non ricordo come tu ti chiami. Cosa pensi, che questo blog lo abbia aperto il sindacato? No l'ho tirato su io, che sono un collaboratore come lo eri tu, e mi sono fatto aiutare dai miei colleghi. Siamo stati noi, dipendenti, a causare lo scisma con l'azienda, non i sindacati. O meglio, i sindacati ci hanno rappresentato, ma siamo stati noi ad agitarci. E noi siamo nella stessa situazione in cui eri tu, tu cosa hai fatto? Hai stampato volantini? Hai convolto i tuoi colleghi? Per esempio quando tu eri in crisi io, di un altro reparto, non lo sapevo. Quando sono andato in crisi io stai certo che mi sono fatto sentire da tutti, che ho raccolto situazioni pari alle mie, aiutato certo dall'RSU (che non nega comunque il suo aiuto a nessuno), ma comunque con una buona dose di coraggio ed eccoci qui.

    RispondiElimina
  12. @anonimo: prima di tutto avresti dovuto muoverti tu! Hai fatto causa all'azienda? Forse sei ancora in tempo...

    RispondiElimina
  13. Non dormiteci sopra SVEGLIATEVI E ROMPETEGLI IL ...

    RSU ALL MUSIC WWW.FALLMUSIC.TK

    RispondiElimina
  14. causa all'azienda? Ma credete di lavorare alle Poste? Perchè se non ci sono programmi da produrre, l'azienda VI DEVE tenere? Mi sembra più che altro che abbiate molta paura di uscire dal magico mondo dell'azienda e darvi da fare a trovare altre cose FUORI. La tiritera del: ho dato tanto, non ci possono lasciare a casa, non vale molto sul mercato televisivo. Si sa che di progetto in progetto, funziona così: potevate andarvene prima di 8 anni di contratti illegali. E poi se quest'azienda vi sta deludendo così tanto e per anni vi ha vessati: cosa ci fate ancora li?

    RispondiElimina
  15. non siamo figli di papà che si possono permetter il lusso di poter stare a casa senza lavoro anche solo 1 mese... quindi finchè le cose sembravano andare bene, finchè ti assicuravano un rinnovo, piegavamo la testa e firmavamo il contratto... non si campa di soli ideali amico!

    RispondiElimina
  16. ci sono molti ristoranti e librerie che possono spesso salvare la dignità di una persona. Se i tuoi diritti vengono lesi, fai il cameriere piuttosto: non pieghi la testa, pur di dire che lavori in televisione.

    RispondiElimina
  17. ma quanto prende un cameriere?!

    RispondiElimina
  18. un progetto deluso18 luglio 2009 21:16

    ...ma non lo dice anche la costituzione che il lavoro è un diritto! e allora perchè non ho il diritto di alzare la voce se il lavoro a cui ho dedicato molti anni della mia vita mi viene IMPROVVISAMENTE tolto?!
    è ovvio che tutti noi si fosse al corrente della precarietà della nostra posizione ,- posizione che in fondo però occupavamo con continuità da parecchio tempo- ma da qui a far cessare la collaborazione di punto in bianco ne passa.
    io mi aspettavo solo che qualcuno avesse il coraggio di affrontarci uno a uno per sentire cosa ne pensavamo.
    ah dimenticavo...i programmi da produrre l'azienda lì ha, almeno fino a dicembre!

    RispondiElimina
  19. Gente cui piace lavorare con le telecamere, gente cui piace lavorare nell'ambito della musica, grafici, sviluppatori di siti internet, giornalisti. Dovrebbero dimenticarsi che hanno studiato, si sono creati una professionalità, una carriera (con relativo introito economico), ed andare a fare i camerieri? In che ambito lavori tu, Anonimo?
    Comunque non discutiamo che ci lascino a casa, discutiamo il COME!!! CI LASCIANO A CASA SENZA PREAVVISO, IN SILENZIO, SENZA ATTIVARCI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI (GRATUITI!!) SE NON DIETRO RICATTO, SENZA GUARDARCI IN FACCIA E GRATIFICARCI NEMMENO CON UN "GRAZIE" PER QUELLO CHE HAI FATTO QUI!

    RispondiElimina
  20. Sono proprio perplesso. Anonimo deve non aver mai fatto il cameriere.
    Io l'ho fatto e poso assicurare che non riuscirei a continuare a pagare il mutuo, le bollette e a far la spesa con uno stipendio del genere.
    Anonimo, invece che sparare stronzate da sempliciotto idealista fighetto prova a farti dei conti in tasca.

    Prova a vedere se senza il tuo papy riesci a pagarti un dentista, a prenderti una casa e a mantenere lo stesso tenore di vita che hai ora FACENDO IL CAMERIERE. Poi ne riparliamo.
    Non devi essere un sindacalista! Non lo sono neanche io, ma prima di sparare stronzate mancando di rispetto a chi ha dei problemi MOLTO PIU' GROSSI DEI TUOI pensaci.

    Io ho fatto un lavoro che non è per niente ricollegabile ad un progetto. Ho lavorato rispettando orari e turni aziendali in una posizione da subordinato. Perché dovrei stare zitto?
    Sapevo perfettamente che i miei contratti a progetto erano illegali e sono rimasto ad MTV pensando "prima o poi o mi lasciano a casa o me ne vado io" e ho calcolato che andando via avrei fatto causa. E così farò. Lo faccio perché mi spetta, non perché voglio mandare a rotoli una azienda. Non sono vendicativo. Voglio solo il giusto per me. I soldi che deriveranno dalla causa o da un patteggiamento SONO MIEI. Li ho solo "anticipati" e l'azienda me li deve.

    Mi tratti da dipendente? Allora pagami da dipendente. Mi tratti da professionista a progetto? Allora lasciami la libertà di stare a casa se un giorno non ho nulla da fare, e lasciami la libertà di fare anche altri lavori per altri clienti. MTV questa possibilità a me non l'ha data quindi non vedo perché dovrei starmene zitto.

    Anche io concordo con te Anonimo, quando ti poni la domanda: "Perché se non ci sono produzioni l'azienda vi DEVE tenere?". Anche secondo me non ha senso tenere le persone per forza. PERO' se tratti le persone da dipendenti è ovvio che poi queste persone vorranno avere qualcosa in cambio.
    IO VOGLIO I MIEI SOLDI! Se mi spettano perché devo rinunciare ad averli?

    RispondiElimina
  21. Rispetto per I camerieri o sputano sul vostro piatto

    RispondiElimina
  22. Porno Precaria22 luglio 2009 00:47

    Basta fare la WebCam Girl o il porno attore allora. Si guadagna molto di più che a fare il cameriere. Così ci paghiamo tutti anche il dentista!
    Ma dai Michi (o voi della cricchetta). Come pensate che la gente normale possa affrontare anche solo un mese senza stipendio?
    Si, ci si può arrangiare, ma è normale che le persone cerchino di salvarsi il culo come meglio possono. Per alcuni questo è l'unico modo.
    Io fortunatamente ho il Papy, ma protesto ugualmente per aiutare quelli che il papy non ce l'hanno...

    RispondiElimina
  23. a chi dice che il lavoratore (caspita!) "doveva pensarci prima, sapeva i rischi che correva col progetto (falso), eppoi perchè l'azienda dovrebbe assumerti se sei superfluo..." beh, se hai tanto i c***ni rivolgi le stesse domande alla direzione: perchè ha preso falsi cocopro per anni sapendo i rischi che l'azienda correva? perchè i lavoratori dovrebbero dare altre fettine di cu*o (andarsene zitti zitti) senza nemmeno salutare i mascalzoni? ti ricordo che mettersi in proprio, magari nello stesso campo, è difficile con un concorrente talmente grosso e SLEALE! Fategli il culo anche con l'ispettorato del lavoro! Avete 6 mesi per tentare il reintegro, se questo non vi interessa avete 5 anni per rivendicare il pregresso! omar

    RispondiElimina
  24. scusate, è l'ora tarda e l'incaz***, avevate 60 giorni per impugnare (con raccomandata a/r) il licenziamento per cercare il reintegro... il resto è ok,
    Non lasciategliela vinta facile, cercate un nuovo lavoro ma allo stesso tempo provate a far valere i vostri diritti , insomma, non fatevi "ammazzare" in silenzio.

    RispondiElimina
  25. Buonasera,
    ho lavorato nel 2008 con un contratto a progetto dove avevo l'obbligo di lavorare 8 ore al giorno per 5 giorni a settimana.
    A distanza di tre anni vorrei far causa alla'azienda per motivazioni successive a ciò.
    Volevo chiedere: è possibile far causa considerando che nei contratti a progetto non è legale dare giorni ed orari di lavoro prefissati?
    Grazie

    RispondiElimina
  26. ad anonimo 20/2/2008: Qui il blog è deserto, forse si sono dispersi.
    Ti rispondo come ex-cocopro di un'altra azienda (Museo Nazionale Scienza e Tecnologia) ora in vertenza: vedi www.aulaguide.net
    Si, puoi chiedere le differenze retributive per i mesi/anni di lavoro. Inoltre, se non hai firmato rinunce o transazioni (da impugnare entro 6 mesi), e non hai ricevuto lettere di "licenziamento", puoi anche chiedere il reintegro, monetizzabile in varie mensilità (risarcimento). Questo perchè il famigerato collegato lavoro è sospeso per il 2011.
    Sulle differenze retributive la prescrizione è quinquennale dalla fine del rapporto, e non "in corso di", dato che non avevi una stabilità reale; devi comunque chiedere, di corsa, ad un esperto avvocato o sindacato.
    Ciao.

    RispondiElimina
  27. sono in fase di trattazione della transazione.
    Ho fatto causa stra-giudiziale tramite l'avvocato (con una carta del consulente del lavoro), dopo 6 mesi di silenzio, alla 'minaccia di depositare tutto in tribunale (causa giudiziale), hanno fatto una proposta di transazione 'riparativa'.

    A tutti i progetto para-subordinati consiglio di farlo, solo così, se tutti fanno causa, le aziende inizieranno a pensare che forse, non gli conviene prenderti a progetto per anni, perchè 'quello/a poi ci fa causa'.

    E' ora di dire basta. Anni di progetto, senza diritti, 13me/14me, buoni pasto, ferie, malattia TFR...NULLA. E chi è assunto, fa lo stesso lavoro e queste cose le ha. BASTA! RIBELLATEVI!

    RispondiElimina
  28. se il giudice da ragione al lavoratore o si ottiene un patteggiamento in quanto tempo si viene risarciti?grazie

    RispondiElimina
  29. ciao, sto facendo causa contro la mia vecchia azienda X per un contratto a progetto non regolare.
    Ho l'udienza il 4 Aprile e sono preoccupata per quelli che potrebbero essere i costi in caso dovessi perdere la causa.
    Mi è stato detto, e ho letto anche su internet, che il pagamento o no è a discrezione del giudice ed è comunque raro che un giudice faccia pagare in cause come la mia, mentre voi mi dite cjhe il costo è pari a zero, come stanno realmente le cose?

    RispondiElimina
  30. ciao, sto facendo causa contro la mia vecchia azienda X per un contratto a progetto non regolare.
    Ho l'udienza il 4 Aprile e sono preoccupata per quelli che potrebbero essere i costi in caso dovessi perdere la causa.
    Mi è stato detto, e ho letto anche su internet, che il pagamento o no è a discrezione del giudice ed è comunque raro che un giudice faccia pagare in cause come la mia, mentre voi mi dite cjhe il costo è pari a zero, come stanno realmente le cose?

    RispondiElimina